Mostra su collezionismo di d'Azeglio

Una quarantina di opere per un viaggio attraverso 'Il collezionismo come passione'. E' quello che Palazzo Madama propone dal 2 dicembre al 6 marzo con l'esposizione dedicata a Emanuele d'Azeglio, collezionista e mecenate piemontese che dopo essere stato ministro plenipotenziario per il Regno di Sardegna e poi d'Italia a Londra, dove fondò il Burlington Club, fu direttore del Museo Civico di Torino dal 1879 al 1890. La mostra si sviluppa attraverso le raccolte di ceramiche e vetri dorati, graffiti e dipinti che costituiscono una collezione unica. Fra questi, i codici miniati del '400 Sforza e d'Avalos, due eccezionali piatti in maiolica rinascimentale, la scrivania 'alla mazzarina' di Luigi Prinotto, due tavolette di Antoine de Lonhy e il dipinto Madonna Villamarina, che torna a Torino dopo oltre un secolo. Nel percorso anche il servizio di porcellana di Meissen, acquistato da Palazzo Madama grazie alla prima operazione di crowdfunding di questo genere in Italia che coinvolse più di 1.500 donatori.

ANSA

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

La Cassa

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...